Commento Vendemmia

Gavi DOCG: vendemmia conclusa
Molto buona la qualità e grande equilibrio


Gavi, 15 ottobre 2019


L’anno appena trascorso è stato caratterizzato da un andamento climatico particolare che ha
rallentato i lavori in vigneto durante la primavera e obbligato i viticoltori, tra giugno e agosto, a
numerosi e continui interventi per la corretta gestione della chioma del vigneto, del suolo e per
affrontare la pressione delle patologie come l’oidio, il mal dell’esca e la flavescenza dorata.
Con i primi campionamenti delle uve è stato evidente che la raccolta sarebbe avvenuta in un
periodo più tradizionale, intorno al 20 settembre.
Ma è stato proprio il carattere estivo e gli forti sbalzi termici di questo ultimo mese a favorire la
qualità delle uve sia in termini sanitari sia in termini qualitativi grazie a giornate di sole calde e
forti escursioni termiche con massime fino a 29°C e minime intorno ai 7-8°C.
Si è raccolto fino alla prima decade di ottobre a dimostrazione della complessità di questa
vendemmia che ha richiesto più “entrate” in vigna da parte dei viticoltori, e operazioni
consecutive sia meccaniche sia manuali.
Con le uve in cantina, si è registrato un calo delle produzioni rispetto all’anno precedente, ma il
quadro organolettico ha mostrato accumuli zuccherini corretti e un quadro acido molto
interessante, alla base della freschezza tipica del Gavi Docg nelle annate più tradizionali, con
gradazioni alcoliche non eccessive e molto equilibrate.
Il recente CDA del Consorzio Tutela del Gavi ha rimandato lo sblocco della riserva
vendemmiale, decisione che segue l’andamento di un mercato che si sta dimostrando saldo e
stabile.


CONSORZIO
TUTELA DEL GAVI | Corte Zerbo 27 | 15066 GAVI | AL | ITALY | +39 0143 645068 | +39 0143 1975184 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | p.iva 01818790063 |