News

Al PAC esordisce M-WAM e si brinda con il Grande Bianco Piemontese

MILANO – Non c’era una mappa degli artisti internazionali che hanno scelto Milano come centro culturale per vivere e lavorare: adesso c’è un network digitale www.m-wam.org, un progetto reale che anima la loro arte, la mette in connessione con altre, favorisce dialogo e contaminazione nel nome dell’interculturalità e dell’internazionalità di cui Milano è centro, soprattutto quest’anno.
Si chiama Milano Word Artist Map ed è stata presentata al Padiglione di Arte Contemporanea lunedì 9 marzo. Il progetto prevede nei prossimi mesi una mostra nata da un contest creativo, dal 25 marzo al 6 Aprile, alla Fabbrica del Vapore, la presenza a Venezia in Biennale, la creazione di un Atelier e di un Cafè luogo di incontro degli artisti internazionali: sono disegnatori, scultori, performers, musicisti, autori e attori, che hanno brindato a questa nuova realtà che coinvolge artisti di ogni continente e di diverse discipline con il vino bianco italiano più internazionale il Gavi DOCG.
Dal Consorzio Tutela del Gavi che ha partecipato all’evento dichiarano: «Noi lavoriamo per raccontare le Storie del Gavi, l’arte, la cultura, l’agricoltura, il turismo del nostro territorio attraverso diverse iniziative: un video in collaborazione con Philippe Daverio; con l’Associazione dei Ristoratori Giapponesi in Italia che hanno scelto il Gavi come abbinamento ideale per il Sushi, per ribadendire il gusto internazionale e la multiculturalità del Grande Bianco Piemontese. Con M WAM- Milano World Art ribadiamo la connessione tra arte e multiculturalità e l’eccellenza enogastronomica di cui l’Italia è portabandiera».

Oltre 25 i paesi in cui è apprezzato il Grande Bianco Piemontese.

Con oltre 13.600.000 bottiglie vendute nel 2014, il 12% in più rispetto al 2013, oltre l’80% all’estero il Gavi, Grande Bianco piemontese, è uno dei vini più apprezzati fuori dai confini nazionali: elegante e fresco è un vino adatto all’invecchiamento, caratteristica rara tra i bianchi italiani, piacevole e di facile beva si abbina perfettamente a tutto pasto e alla cucina mediterranea, tra le preferite al mondo.
Concluso il Vinitaly, si tirano le fila di un successo internazionale confermato dalle visite di importatori esportatori clienti e agenti presso lo stand del Consorzio del Gavi e nelle parole del Presidente Gian Piero Broglia che commenta così questa edizione: «Vinitaly 2015 è un cambiamento nella continuità: cambiano i protagonisti perché aumentano i paesi interessati al Gavi, prima soprattutto europei, oggi anche micromercati come la Lituana, la Repubblica Ceca, la Lituania, la Turchia, Malta, l’Irlanda, l’Ucrania e altri, in cui il Gavi si sta espandendo, portando il Grande Bianco Piemontese ad essere presente in oltre 25 paesi. Un successo della denominazione che è davanti agli occhi di tutti. Nell’ultimo decennio l’aumento produzione è corrisposto ad un aumento del prezzo del vino sfuso e in bottiglia. La filiera così è stata remunerata da questo incremento e ha portato il Gavi ad essere tra i vini bianchi Top internazionali. Come a Londra dove il Cortese è il vino più rappresentativo in fascia premium, per i ristoranti».

Con il Gavi DOCG, Grande Bianco Piemontese,
si brinda alla nascita di M-WAM,
progetto di Arte contemporanea e interculturalità a Milano

Il Consorzio Tutela del Gavi promuove, valorizza e tutela la produzione del Gavi DOCG. Rappresenta 11 comuni, oltre 200 associati e 1500 ettari di vigneti di Cortese incastonati nell’angolo di Piemonte più vicino alla Liguria.

Con oltre 13.600.000 bottiglie vendute nel 2014, il 12% in più rispetto al 2013, oltre il 70% all’estero – Inghilterra, Stati Uniti, Germania, Russia e mercati asiatici – il Grande Bianco piemontese è uno dei vini più apprezzati fuori dai confini nazionali: eleganza e freschezza ne fanno un vino adatto all’invecchiamento, caratteristica rara tra i bianchi italiani.

Il Gavi DOCG è simbolo di qualità tutta italiana e modello di comunicazione per i territori enogastronomici, testimonial e paradigma di un’eccellenza che miete successi in tutto il mondo: cultura di filiera, multiculturalità e l’internazionalità sono le caratteristiche distintive del Grande Bianco Piemontese.

Lunedì 9 marzo In occasione della conferenza “Arte contemporanea e interculturalità a Milano” durante la quale verrà presentato il progetto M –WAM Milano World Arts Map – il network degli Artisti internazionali che vivono e lavorano a Milano – il Consorzio Tutela del Gavi offrirà un brindisi con il Gavi istituzionale agli ospiti e ai giornalisti partecipanti. Il progetto M-WAM crea una connessione tra Arte Contemporanea e Interculturalità – intesa come visione del mondo contemporaneo e progetto di rinnovamento sociale – apre dialoghi inediti e favorisce la reciproca frequentazione delle culture artistiche milanesi e del mondo. Soprattutto in occasione di Expo 2015 il Consorzio sposa le motivazioni del progetto e partecipa condividendone le motivazioni interculturali e internazionali.

Non è la prima volta che Il Consorzio sottolinea la forte connessione tra eccellenze enogastronomiche l’arte e la cultura. Dice Francesco Bergaglio – direttore del Consorzio del Gavi “In un mercato globale il vero valore aggiunto di un prodotto enogastronomico sono le storie, le esperienze le suggestioni che si sanno creare intorno al prodotto stesso, e che lo rendono unico. Noi abbiamo lavorato per raccontare le Storie del Gavi: l’arte, la cultura, l’agricoltura, il turismo del nostro territorio attraverso un video in collaborazione con Philippe Daverio; l’internazionalità e la multiculturalità con l’Associazione dei Ristoratori Giapponesi in Italia che hanno scelto il Gavi come abbinamento ideale per il Sushi. Nell’anno di Expo sposiamo il progetto M WAM- Milano World Art Maps perché ribadisce la connessione tra arte e multiculturalità a cui ci sentiamo molto affini”.


CONSORZIO
TUTELA DEL GAVI | Corte Zerbo 27 | 15066 GAVI | AL | ITALY | +39 0143 645068 | +39 0143 1975184 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | p.iva 01818790063 |