News

Venerdì 8 novembre 2019

Il Consorzio Tutela del Gavi a “FATTORE COMUNE”

Incontri fra DOP e IGP,

a Recco e Sori (Ge)

 

Il Riso di Baraggia, il Castelmagno, il Salame d’oca di Mortara, i Salumi piacentini, il Gavi - rappresentati dai rispettivi consorzi - partecipano, invitati dalla Focaccia di Recco con il formaggio, a “Fattore Comune” evento dedicato alle eccellenze agroalimentari DOP e IGP tutelate dalla Unione Europea.

E’ un evento che mette in dialogo istituzioni e produttori per discutere di tutela agroalimentare e turismo gastronomico, illustrare i percorsi intrapresi dalle denominazioni e gli obiettivi raggiunti, analizzare gli sbocchi sul mercato della ristorazione e della grande distribuzione e nuove idee per la miglior promozione delle DOP e IGP.

 

 

La giornata è divisa in due fasi:

  • la prima al Teatro di Sori con interventi e presenze delle istituzioni preposte all’anti frode dei prodotti, a seguire un “talk show” in cui i consorzi e Amministrazioni pubbliche presenti che illustreranno le DOP o IGP del proprio territorio e quanto attuato a supporto dei prodotti/Comune/territorio. Nell’intervallo, dopo il gran successo dello scorso anno, nuovamente un break con farinata e dolci preparati dal ristorante il Boschetto, Focacceria Tossini e Edobar di Sori. Il presidente Roberto Ghio interverrà con gli altri ospiti per parlare dell’esperienza del Consorzio Tutela del Gavi che anima da tre anni collaborazioni con le DOP regionali per una promozione integrata e sistematica del territorio.

 

  • la seconda, in serata (ad invito ai media, food blogger e personaggi d’opinione) a Recco al ristorante Manuelina, con spazi dedicati ad ognuno dei consorzi DOP IGP e alle relative Amministrazioni presenti, con banchi d’assaggio e degustazione dei rispettivi prodotti. Presenti anche il Consorzio Basilico genovese DOP, Il Consorzio Olio DOP riviera Ligure e l’Enoteca regionale della Liguria. Sarà l’occasione per conoscersi, dialogare ed avviare anche fattive collaborazione con gli ospiti, tutti accreditati.

 

Numerosi gli ospiti in arrivo da tutt’Italia che pernotteranno all’Hotel Villa Albergo da O  Vittorio di Recco.

 

Sabato 9 novembre è previsto un piccolo tour turistico-gastronomico che da Recco li porterà a Camogli con visita del borgo marinaro e sosta gourmet alla Focacceria Revello. Per pranzo ritorno a Recco al ristorante Da Lino con speciali show cooking. Al pomeriggio visita alla Città di Recco, e tempo ancora per due fette di focaccia ….

 

L’occasione sarà ancora una volta presupposto diffusione della fama della Focaccia di Recco, grazie all’I.G.P.

www.focacciadirecco.it in home page il video di Fattore Comune 2018.

La Focaccia di Recco col Formaggio I.G.P. è un grande valore aggiunto, riconosciuto solo nei comuni di Recco, Camogli, Sori e Avegno e si può trovare solo nelle attività consorziate:

Ristoranti a Recco: Alfredo – Angelo -  Da Lino – Da ö Vittorio – Del Ponte – Manuelina

 Vitturin – Focacceria Manuelina.

Panifici a Recco: Panifici Tossini – Panificio Moltedo G.B. – Panificio Moltedo 1874

Ristoranti a Sori: Edobar – Il Boschetto – Focacceria Tossini.  Asporto a Camogli: Revello Focacceria.

 

Pagine FB La festa della Focaccia di Recco oppure Focaccia DI Recco

Instagram   focacciadirecco_igp

 

 

Palazzo Nicolosio Lomellino, Genova

 11 ottobre 2019 – 12 gennaio 2020

 

Con il Gavi Docg si brinda al debutto il 10 ottobre della mostra “Bernardo Strozzi (1582-1644). La conquista del colore” presso Palazzo Nicolosio Lomellino.

Il Consorzio Tutela del Gavi suggella così il legame storico tra il celebre bianco piemontese e la Liguria, ad un mese da Tutto il Gavi a Genova, l’evento alla Terrazza Colombo dedicato ai vini del mare, che ha ribadito l’affinità territoriale tra le due regioni.

Sono infatti i genovesi – in particolare le famiglie nobili come i Lomellino, gli Spinola, gli Adorno, i Grimaldi  - a diffondere la coltura del Cortese in Piemonte e i primi a far conoscere questo vino fuori dai suoi confini geografici, attraverso le rotte del mare. Sono ancora i genovesi che eleggendo l’Oltregiogo – entroterra ligure – a territorio di approvvigionamento di legname per le proprie navi, esportano a Gavi la loro cucina e motivano le ragioni del successo di questo vino bianco in Piemonte, terra nota per i suoi rossi.

Inoltre, nel 2019, il Consorzio Tutela del Gavi ha affidato la realizzazione dell’etichetta della bottiglia istituzionale all’artista genovese Enrico Bafico che ha interpretato, attraverso la sua arte, il Museo dei Campionissimi del ciclismo della città di Novi Ligure, nell’anno del centenario della nascita di Fausto Coppi.

16 ottobre 2019

TUTTO IL GAVI A TORINO

Sede AIS Piemonte, Via Modena 23

 

Il Gavi incontra Torino

E’ il giorno del Grande Bianco piemontese

che per l’occasione riscopre il legame “cortese” con il Vermouth di Torino

 

Ore 18.00: Workshop ad invito riservato alla stampa e ai sommelier

Ore 19.00: Banco d’assaggio dei Gavi Docg aperto al pubblico

Per info e prenotazioni

Eventbrite

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-tutto-il-gavi-a-torino-71661634879

L’evento è gratuito, solo su prenotazione, fino ad esaurimento posti

 

Gavi 26 settembre 2019

 

TUTTO IL GAVI A TORINO è la terza tappa del city tour del Consorzio Tutela del Gavi nel 2019.

Dopo Milano e Genova, il Gavi Docg incontra per la prima volta Torino, alla sede Ais Piemonte in via Modena 23, dove si presenta con oltre 80 etichette di Gavi Docg, per un inedito banco di assaggio, aperto al pubblico dalle 19.00, dedicato ad approfondire e scoprire le caratteristiche del grande bianco nel suo capoluogo di elezione.

Nato come vino per le corti dell’aristocrazia genovese, per la vicinanza territoriale con la Liguria, il Gavi è strettamente legato alla storia enologica del Piemonte: fu proprio nelle cantine di Grinzane, già dal 1869, che Camillo Benso Conte di Cavour e  l’enologo Luigi Oudard utilizzarono il Cortese di Gavi, considerandolo un vitigno particolarmente adatto alla spumantizzazione.

Da allora il Gavi si è affermato, in Italia e nel mondo, puntando proprio sulla sua tipicità onorando la propria fama di Grande Bianco Piemontese.

E’ presente in oltre 70 Paesi e ha conquistato nuovi mercati, confermando la sua anima cosmopolita. La produzione di circa 13 milioni di bottiglie all’anno è destinata per l’85% ai mercati esteri, tra cui Inghilterra, Germania, Stati Uniti, Russia.

Con l’occasione di questa prima volta a Torino, il Consorzio Tutela del Gavi vuole valorizzare anche un’antica affinità e riscoprire il legame originale che esiste tra il Cortese e il Vermouth di Torino.

Nella storia produttiva e nella pratica liquoristica di questa eccellenza piemontese infatti ricorre spesso il riferimento al Gavi tra gli ingredienti del Vermouth di Torino.

In ragione di questo legame il programma di TUTTO IL GAVI A TORINO si aprirà con un workshop – riservato alla stampa e ai sommelier – dedicato all’incontro tra Gavi e Vermouth – in collaborazione con l’AIS di Torino, con Fulvio Piccinino inventore del Seminario permanente “Esperienza Vermouth” e l’Istituto del Vermouth di Torino.

 

Inoltre, durante il Banco di assaggio dalle 19,00 sarà possibile degustare due originali cocktail creati espressamente per questa occasione, con il Gavi Fermo e il Gavi Spumante Metodo Classico, dal bartender torinese Nicola Mancinone.

 

IL PROGRAMMA

ore 18.00 Workshop

Intervengono

Roberto Ghio - Presidente Consorzio del Gavi

Mauro Carosso - Delegato AIS Torino, Coordinatore area didattica AIS Piemonte

 

 

A cura di Paolo Novara: degustazione 3 Gavi Istituzionali 

A cura di Fulvio Piccinino: degustazione 3 Vermouth di Torino

 

ore 19.00 Banco di Assaggio aperto al pubblico

80 etichette di Gavi docg e i due cocktail by Nicola Mancinone

L’evento è gratuito, solo su prenotazione, fino ad esaurimento posti

 

Per info e prenotazioni

Eventbrite

https://www.eventbrite.it/e/biglietti-tutto-il-gavi-a-torino-71661634879

 

 

 

 

 

 

Attachments:
Download this file (INVITO OSPITI.jpg)INVITO OSPITI.jpg

Pagina 1 di 15


CONSORZIO
TUTELA DEL GAVI | Corte Zerbo 27 | 15066 GAVI | AL | ITALY | +39 0143 645068 | +39 0143 1975184 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | p.iva 01818790063 |